1983: Byte Magazine presentava “Inside the IBM PC”

Cercando documentazione per il post sulla presentazione del PC IBM, ho ritrovato questo numero di Byte di Novembre 1983, opportunamente titolato “Inside the IBM PC”.

byte ibm pc 1983

Una cover story importante per un prodotto, allora, già consolidato.

Talmente consolidato che, nella copertina, veniva annunciato il PC IBM XT (il successore).
La cover story, nello stile di Byte, è una collezione di articoli molto ben scritti ed interviste a personaggi coinvolti nella progettazione dell’architettura ISA del primo PC: ben 216 pagine di articoli interessanti, ancor di più al giorno d’oggi dal punto di vista storico.
In particolare l’intervista a Philip Estridge, allora presidente della IBM Entry System Division, sulla scelta di componenti ‘standard’, rispetto alle precedenti scelte proprietarie di IBM.

Sono inoltre presenti articoli sulle locazioni di memoria (!) accessibili tramite POKE e PEEK, sulla possibilità di usare testo sul monitor mono (scheda MDA) e grafica a colori sulla scheda grafica CGA CONTEMPORANEAMENTE (fornendo il listato in assembler)!

Il titolo, a mio avviso, più divertente riguarda una sorta di previsione per il futuro, il titolo “Could 1.000.000 IBM PC users go wrong?” la dice lunga…
Il primo milione di utenti non si scorda mai…

Da notare come le prime due pagine, tradizionalmente dedicate ad un inserzionista pubblicitario di grande livello (e portafoglio…), siano di Apple e siano titolate “Inside Apple”… 😉

byte ibm pc 1983 inside apple

Il numero di BYTE Magazine “Inside the IBM PC” è disponibile su Archive.org.

Share

Un pensiero riguardo “1983: Byte Magazine presentava “Inside the IBM PC”

  • 19/08/2015 in 13:41
    Permalink

    Ibm faceva i salti mortali per mettere grafica a colori e testo insieme sul monitor mentre una pagina avanti Apple pubblicizzava i suoi plotter a colori per gli Apple II? Apperò! 😀

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.